Come prepararsi alle nuove normative ESG

Una panoramica sugli standard ESG dell’UE in materia di disclosure

Michael Maldener, Managing Director & Conducting Officer at Nordea Investment Funds S.A.

Gli investimenti ESG stanno guadagnando terreno da un po’ di tempo, ma rimanevano in gran parte non regolamentati. A seguito del Piano d’azione europeo sulla finanza sostenibi-le del 2018, è in corso la preparazione di un nuovo pacchetto legislativo per cambiare tale situazione – e gli investitori devono essere pronti

L’UE ha sviluppato il Piano d’azione sulla finanza sostenibile per riorientare gli investimenti verso investimenti sostenibili (che sono necessari per consentire all’Europa di raggiungere gli obiettivi fissati dall’accordo di Parigi del 2015 e dal Green Deal europeo) e per fornire un quadro di riferimento alla sostenibilità nell’ambito della gestione patrimoniale. Possiamo riassumere le prime iniziative normative in tre punti.

In primo luogo, il Regolamento relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari chiarirà i doveri e le responsabilità dei partecipanti ai mercati finanziari (inclusi i gestori degli investimenti e i distributori).Tale regolamento si rivolge a distributori, consulenti finanziari e asset manager, i quali, indipendentemente dal luogo in cui si trovano sulla catena del valore, dovranno comunicare come classificano i loro prodotti e la soste-nibilità degli investimenti sottostanti. Inoltre, tali operatori dovranno comunicare come trattano i rischi di soste-nibilità in aree quali il processo decisionale in materia di investimenti e la classificazione dei prodotti.

In secondo luogo, il Regolamento sulla tassonomia fornirà un vocabolario comune sugli aspetti ambientali, allo scopo di evitare potenziali casi di “greenwashing”. Quando si pensa all’ ESG, a volte non si riesce a vedere l’intera foresta a causa della diversità degli alberi che la compongono. Le attuali iniziative di regolamentazione mirano a dare una struttura a questa tematica. La tassonomia ha intrapreso i primi sforzi verso una serie comune di definizioni ambientali da utilizzare in tutto il settore.

Infine, gli aggiornamenti e le modifiche si applicheranno alle legislazioni esistenti, come la MiFID II, gli OICVM o l’AIFMD. Ci troviamo nel bel mezzo del processo di regolamentazione, il che significa che ci saranno ancora molti chiarimenti e aggiustamenti a venire. Detto questo, sappiamo che la MiFID II richiederà ai distributori di integrare le preferenze di sostenibilità nella valutazione di idoneità al momento di fornire consulenza in materia di investi-menti o nella gestione discrezionale del portafoglio. Le preferenze in materia di sostenibilità dovranno essere va-lutate insieme ai consueti aspetti di idoneità.

I distributori dovranno classificare i loro prodotti in categorie

I fornitori di prodotti o servizi nelle aree ESG/sostenibilità/responsabilità dovranno classificare i loro prodotti in categorie. Sebbene tali requisiti non siano ancora del tutto chiari, questi cambiamenti sono significativi per i di-stributori, in quanto vi saranno dei requisiti per valutare, documentare e riesaminare regolarmente il processo di selezione dei prodotti di un’offerta di sostenibilità

Se ancora non hanno intrapreso alcuna azione, i distributori devono iniziare subito a familiarizzare con le diverse iniziative normative, soprattutto con quelle che hanno un effetto diretto. È fondamentale comprendere le inter-dipendenze tra le iniziative e il loro impatto sul valore, sul cambiamento e sui processi.

Essenzialmente, esistono tre categorie di prodotti. La prima categoria segue considerazioni ESG di base, ma con un obiettivo di investimento principalmente focalizzato sull’offerta di rendimenti. La seconda categoria è l’art. 8 del Regolamento SFDR (Sustainable Finance Disclosure Regulation) o prodotti ESG. Si tratta di strategie ESG dedicate, che includono elementi quali l’esclusione e le misure su come garantire le pratiche di governance. La terza catego-ria, l’art. 9 del Regolamento SFDR o impatto sui prodotti, oltre a fornire un rendimento finanziario, ha anche un obiettivo di sostenibilità.

È importante sottolineare che gli investitori non stanno sacrificando i rendimenti per accedere a una categoria più alta, ma significa semplicemente che i requisiti di sostenibilità sono più elevati. La sfida principale per il mercato è decidere quali sono le soglie. In termini di distribuzione, il diavolo è davvero nei dettagli, poiché è probabile che solo le categorie degli articoli 8 e 9 siano considerate prodotti sostenibili, anche se potrebbero essere necessarie ulteriori specifiche. Se un cliente desidera un prodotto sostenibile, non si può semplicemente offrire una soluzione di base.

Possiamo confrontare la situazione attuale con un trasloco. Dopo aver vissuto nella nostra casa per molto tempo, ci trasferiamo d’ improvviso verso qualcosa di nuovo. Proprio quello che è successo a quest’industria. Tuttavia, gli scatoloni per imballare i nostri oggetti non si adattano alle cose che abbiamo, e molti non sono ancora arrivati.

Allo stesso modo, la presente guida sarà rielaborata nei mesi e negli anni a venire. Nel frattempo, è importante che i consulenti comincino a pensare alla loro offerta e ai loro processi interni in relazione agli investimenti sostenibili. La sostenibilità offre un’opportunità potenzialmente enorme ai consulenti che già iniziano a ricalibrare il proprio modello di business per soddisfare i requisiti di valutazione ESG e offrire una buona gamma di fondi sostenibili. Ci troveremo di fronte a molte sfide lungo questo percorso e noi di Nordea siamo impegnati a renderlo più facile per i distributori. Vi incoraggiamo a contattarci per proseguire il dialogo.

Nordea Asset Management è il nome funzionale delle attività di asset management svolte dalle persone giuridiche, Nordea Investment Funds S.A. e Nordea Investment Management AB (“Entità Legali”) e le loro filiali, società controllate e succursale. Il presente documento ha lo scopo di fornire al lettore infor-mazioni su specifiche capacità di Nordea. Il presente documento (ed eventuali pareri o opinioni ivi contenute) non costituisce una consulenza d’investimento e non costituisce una raccomandazione all’investimento in particolari prodotti, strumenti o strutture d’investimento, all’apertura o alla chiu-sura di qualsivoglia operazione o alla partecipazione a una particolare strategia di trading. Questo documento non costituisce un’offerta né una sollecitazio-ne di un’offerta ad acquistare o vendere titoli o strumenti o a partecipare a tale strategia di trading. Eventuali offerte di questo tipo possono essere effettua-te esclusivamente mediante un Memorandum di offerta o un analogo accordo contrattuale. Ne consegue che le informazioni qui contenute saranno sosti-tuite nella loro interezza da tale Memorandum di offerta o accordo contrattuale nella sua forma definitiva. Qualsiasi decisione di investimento dovrebbe pertanto essere effettuata unicamente sulla base della documentazione legale definitiva, che include, senza limitazioni e ove applicabile, il Memorandum di offerta, l’accordo contrattuale, l’eventuale prospetto informativo pertinente e l’ultimo Documento di Informazioni chiave per gli investitori (ove applicabile) relativo all’investimento. L’adeguatezza di un investimento o di una strategia dipenderà dalle condizioni e dagli obiettivi dell’investitore. Nordea Investment Management raccomanda agli investitori di valutare in maniera indipendente i singoli investimenti e le strategie e inoltre incoraggia gli investitori a chiedere il parere di consulenti finanziari indipendenti, qualora lo ritengano necessario. Eventuali prodotti, titoli, strumenti o strategie menzionate nel presente docu-mento potrebbero non applicarsi a tutti gli investitori. Le informazioni contenute nel presente documento provengono da svariate fonti. Sebbene le presenti informazioni siano considerate esatte, non è possibile rilasciare alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro assoluta accuratezza o completezza e gli investitori possono utilizzare altre fonti in modo da operare una scelta d’investimento informata. Le controparti o gli investitori potenziali sono invitati a rivolgersi al/ai proprio/i consulente/i professionale/i in materia fiscale, legale, contabile e di altro tipo per conoscere le possibili conseguenze di un dato inve-stimento, inclusi i suoi possibili rischi e benefici. Le controparti o gli investitori potenziali dovrebbero inoltre comprendere appieno la natura dell’eventuale investimento e accertarsi di aver effettuato una valutazione indipendente circa l’adeguatezza di tale investimento potenziale, esclusivamente sulla base delle proprie intenzioni e ambizioni. Gli investimenti in strumenti derivati e le operazioni in valuta estera possono essere soggetti a oscillazioni significative che possono influire sul valore degli investimenti stessi. Gli investimenti nei Mercati emergenti implicano un rischio più elevato. Il valore dell’investi-mento può variare in misura significativa e non può essere garantito. Gli investimenti in titoli di capitale e di debito emessi dalle banche rischiano di essere soggetti al meccanismo di bail-in, come previsto dalla Direttiva europea 2014/59/UE (ciò significa che i titoli di capitale e di debito potranno essere svalutati, assicurando perdite adeguate ai creditori non-garantiti dell’ente). Nordea Asset Management ha deciso di assorbire i costi di ricerca, pertanto tali costi saranno in futuro coperti dall’attuale struttura commissionale (commissioni di gestione e di amministrazione). Pubblicato e creato dalle Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management. Le Entità Legali sono debitamente riconosciute e controllate, rispettivamente, dall’Autorità di vigilanza finanziaria in Svezia e in Lussemburgo. Le filiali, le società controllate e succursale delle Entità Legali sono debitamente autorizzate e regolate dall’Autorità di vigilanza finanziaria locale nel rispettivo paese di domiciliazione. Fonte (salvo altrimenti specificato): Nordea Investment Funds, S.A. Se non diversamente indicato, tutti i punti di vista qui espressi sono quelli delle Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e succursale delle Entità Legali. Il presente documento non può essere riprodotto o distribuito senza previa autorizzazione. Il riferimento a socie-tà o altri investimenti menzionati in questo documento ha carattere puramente illustrativo e non deve essere interpretato alla stregua di una raccomanda-zione all’acquisto o alla vendita degli stessi. Il livello di passività e benefici fiscali dipende dalle circostanze del singolo investitore e può essere soggetto a future modifiche. © Le Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e/o succursale.

Follow our latest posts