Sei ragioni per un successo dell’Asia nel 2021 e oltre

Le azioni asiatiche hanno registrato una forte performance nell’ultimo anno, sostenute dai blocchi tempestivi per contenere efficaciemente il Covid-19 e dalla successiva riapertura economica.
La Cina, in particolare, ha ottenuto risultati eccezionalmente buoni nella gestione sia della salute che dell’impatto economico della pandemia. Le fasi di blocco severe e iniziali hanno mantenuto le infezioni sotto controllo nel 2020, il che ha permesso alla Cina di riaprire presto e ha portato ad una rapida ripresa di tutte le principali metriche economiche. Infatti l’anno scorso la Cina è stata l’unica economia del G20 con un PIL positivo, con una crescita del 2.3%. Ciò si è esteso ad altri mercati asiatici, che in generale hanno superato i mercati sviluppati.

In prospettiva, la crescita reale del PIL in Asia ex Giappone dovrebbe tornare al livello precedente al Covid-19 del 5.4% nel 2021. La crescita in Cina e in India è stimata all’8-9% su base annua, superando la crescita in altri paesi della regione, contribuendo al contempo maggiormente al PIL globale. Rispetto alla crescita prevista del mercato sviluppato del 4.2%, l’ambiente continua a sembrare favorevole per le azioni asiatiche.

Mentre si prevede che l’Asia contribuisca entro il 2030 al 60% della crescita globale, le azioni asiatiche sono ancora sottorappresentate nei benchmark globali e nei portafogli degli investitori. Di seguito, descriviamo i motivi per cui gli investitori possono guardare alla regioen asiatica con interesse, così come alcuni dei fattori strutturali che alimentano tale regione in rapida crescita.

Controllo efficacie del Covid-19

In Nord Asia, soprattutto in Cina, il tasso di infezione sembra essere sotto controllo. Questi mercati continuano a riaprirsi in misura maggiore rispetto ad altri paesi a livello globale. Ci aspettiamo che l’economia cinese possa segnare una forte crescita quest’anno poiché beneficia di venti favorevoli ciclici e strutturali – in settori come l’automazione industriale, i veicoli e componenti elettrici e molteplici servizi a diverse supply chain.

La zona RCEP è il futuro dell’Asia

L’Asia sta ora assumendo il ruolo di nuovo motore della crescita globale, con la Cina come fulcro del commercio nella regione. Il RCEP – dall’inglese Regional Comprehensive Economic Partnership – avvicinerà l’Asia a diventare una zona commerciale integrata come l’UE. Parliamo per l’appunto di un accordo commerciale che ridurrà gli attriti economici e, secondo gli analisti, aggiungerà 500 miliardi di dollari all’anno al commercio mondiale. I maggiori beneficiari saranno i membri del programma RCEP: Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia, Nuova Zelanda, nonché altri 10 paesi del Sud-est asiatico.

Più spazio per l’allentamento monetario

Rispetto ad altre regioni, le condizioni in Asia consentirebbero un ulteriore stimolo per l’economia – se necessario. Livelli generali di rendimento più elevati, mercati dei cambi relativamente stabili e bassi livelli di inflazione sono fattori di supporto per ulteriori misure monetarie per rilanciare la crescita economica.

I consumi alimentano la crescita asiatica

Il crescente potere di acquisto dei consumatori asiatici indica opportunità in molte aziende legate ai consumatori. Ciò va ben oltre i nomi puramente legati all’Internet per i quali l’Asia è conosciuta e include, fra gli altri, articoli sportivi e beni di prima necessità. Un trend che prevediamo possa continuare in Asia è l’aumento del e-commerce . È improbabile che ci sia un rallentamento di questa tendenza, in quanto i consumatori sono ormai abituati alla convenienza aggiuntiva di questi servizi. Si prevede inoltre che i consumatori asiatici si reimpegnino in una serie di attività che gravemente colpite dalla pandemia.

La tecnologia incontra la sostenibilità

Il settore tecnologico è stato uno dei principali vincitori nel 2020, beneficiando di un cambiamento accelerato nel comportamento dei consumatori, e siamo ottimisti sulle prospettive a lungo termine per molti dei principali attori asiatici in questo campo. Nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, l’automazione, il 5G e la biotecnologia continueranno a ricevere attenzione. Nel frattempo, la digitalizzazione di molte aree dell’economia continuerà. Ci aspettiamo che l’adozione del digitale nel Sud-est asiatico sia in grado di raggiungere il livello di penetrazione osservabile in Cina, il che determina la domanda di maggiore potenza dei processori, larghezza di banda e storage. Ci sarà maggiore attenzione alle industrie legate alla sostenibilità come i veicoli elettrici, lo stoccaggio delle batterie e la catena di approvvigionamento, dal momento che i paesi di tutto il mondo attribuiranno maggiore importanza al cambiamento climatico. In effetti, l’impegno a ridurre le emissioni di gas a effetto serra accelererà molto probabilmente lo sviluppo e l’adozione di veicoli elettrici e di prodotti efficienti dal punto di vista energetico, favorendo anche la crescita dell’ecosistema delle energie e delle risorse rinnovabili.

Azioni a buon mercato e valuta in apprezzamento

Inoltre, dal punto di vista delle valutazioni, le azioni asiatiche stanno negoziando con uno sconto del 20% rispetto alle azioni dei mercati sviluppati – con una crescita futura degli utili che si prevede sarà più elevata. Ciò è dovuto principalmente al fatto che l’Asia continua a beneficiare della domanda esterna, in particolare in un contesto in cui la crescita nei mercati sviluppati sarà sostenuta da una politica fiscale che a sua volta sosterrà le esportazioni asiatiche. In combinazione con un dollaro americano debole, che secondo il consenso degli analisti dovrebbe rimanere sotto pressione nel 2021, ci sono tutti i presupposti per un anno brillante per le azioni dei paesi emergenti. Storicamente, vi è stata un’elevata correlazione tra un dollaro americano debole e la sovraperformance dei mercati azionari emergenti rispetto a quelli sviluppati.

.

.

Nordea Asset Management è il nome funzionale delle attività di asset management svolte dalle persone giuridiche, Nordea Investment Funds S.A. e Nordea Investment Management AB (“Entità Legali”) e le loro filiali, società controllate e succursale. Il presente documento ha lo scopo di fornire al lettore informazioni su specifiche capacità di Nordea. Il presente documento (ed eventuali pareri o opinioni ivi contenute) non costituisce una consulenza d’investimento e non costituisce una raccomandazione all’investimento in particolari prodotti, strumenti o strutture d’investimento, all’apertura o alla chiusura di qualsivoglia operazione o alla partecipazione a una particolare strategia di trading. Questo documento non costituisce un’offerta né una sollecitazione di un’offerta ad acquistare o vendere titoli o strumenti o a partecipare a tale strategia di trading. Eventuali offerte di questo tipo possono essere effettuate esclusivamente mediante un Memorandum di offerta o un analogo accordo contrattuale. Ne consegue che le informazioni qui contenute saranno sostituite nella loro interezza da tale Memorandum di offerta o accordo contrattuale nella sua forma definitiva. Qualsiasi decisione di investimento dovrebbe pertanto essere effettuata unicamente sulla base della documentazione legale definitiva, che include, senza limitazioni e ove applicabile, il Memorandum di offerta, l’accordo contrattuale, l’eventuale prospetto informativo pertinente e l’ultimo Documento di Informazioni chiave per gli investitori (ove applicabile) relativo all’investimento. L’adeguatezza di un investimento o di una strategia dipenderà dalle condizioni e dagli obiettivi dell’investitore. Nordea Investment Management AB raccomanda agli investitori di valutare in maniera indipendente i singoli investimenti e le strategie e inoltre incoraggia gli investitori a chiedere il parere di consulenti finanziari indipendenti, qualora lo ritengano necessario. Eventuali prodotti, titoli, strumenti o strategie menzionate nel presente documento potrebbero non applicarsi a tutti gli investitori. Le informazioni contenute nel presente documento provengono da svariate fonti. Sebbene le presenti informazioni siano considerate esatte, non è possibile rilasciare alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro assoluta accuratezza o completezza e gli investitori possono utilizzare altre fonti in modo da operare una scelta d’investimento informata. Le controparti o gli investitori potenziali sono invitati a rivolgersi al/ai proprio/i consulente/i professionale/i in materia fiscale, legale, contabile e di altro tipo per conoscere le possibili conseguenze di un dato investimento, inclusi i suoi possibili rischi e benefici. Le controparti o gli investitori potenziali dovrebbero inoltre comprendere appieno la natura dell’eventuale investimento e accertarsi di aver effettuato una valutazione indipendente circa l’adeguatezza di tale investimento potenziale, esclusivamente sulla base delle proprie intenzioni e ambizioni. Gli investimenti in strumenti derivati e le operazioni in valuta estera possono essere soggetti a oscillazioni significative che possono influire sul valore degli investimenti stessi. Gli investimenti nei Mercati emergenti implicano un rischio più elevato. Il valore dell’investimento può variare in misura significativa e non può essere garantito. Gli investimenti in titoli di capitale e di debito emessi dalle banche rischiano di essere soggetti al meccanismo di “bail-in”, come previsto dalla Direttiva europea 2014/59/UE (ciò significa che i titoli di capitale e di debito potranno essere svalutati, assicurando perdite adeguate ai creditori non-garantiti dell’ente). Nordea Asset Management ha deciso di sostenere direttamente i costi di ricerca, che risultano quindi coperti dall’attuale struttura commissionale (commissioni di gestione e di amministrazione). Pubblicato e creato dalle Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management. Le Entità Legali sono debitamente riconosciute e controllate, rispettivamente, dall’Autorità di vigilanza finanziaria in Svezia e in Lussemburgo. Le filiali, le società controllate e succursale delle Entità Legali sono debitamente autorizzate e regolate dall’Autorità di vigilanza finanziaria locale nel rispettivo paese di domiciliazione. Fonte (salvo altrimenti specificato): Nordea Investment Funds, S.A. Se non diversamente indicato, tutti i punti di vista qui espressi sono quelli delle Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e succursale delle Entità Legali. Il presente documento non può essere riprodotto o distribuito senza previa autorizzazione. Il riferimento a società o altri investimenti menzionati in questo documento ha carattere puramente illustrativo e non deve essere interpretato alla stregua di una raccomandazione all’acquisto o alla vendita degli stessi. Il livello di passività e benefici fiscali dipende dalle circostanze del singolo investitore e può essere soggetto a future modifiche. © Le Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e/o succursale.

Follow our latest posts