Materiale pubblicitario

Tutti gli occhi puntati su infrastrutture a prova di inflazione mentre i prezzi salgono

Di Jeremy Anagnos, portfolio manager della strategia Global Listed Infrastructure di Nordea

17 June 2022

Dopo quasi un decennio di inflazione contenuta, la pandemia Covid-19 e gli eventi geopolitici hanno riportato nel mondo significative pressioni sui prezzi.

L’impatto dell’inflazione, e la successiva azione della banca centrale, è stato rapido e pronunciato quest’anno, con i mercati azionari e obbligazionari di stile growth che sono stati particolarmente penalizzati. A causa del contesto economico in evoluzione, gli investitori cercano sempre più segmenti di mercato con comprovata capacità di resilienza e protezione dall’inflazione.

Una di queste aree è l’infrastruttura quotata, rinomata per i suoi flussi di cassa stabili e prevedibili. È inoltre in gran parte immune alle pressioni storiche sui prezzi di oggi, con oltre il 90% dello spazio infrastrutturale quotato in grado di trasferire efficacemente l’inflazione agli utenti finali degli asset.

Forti venti in coda a lungo termine

Le infrastrutture quotate includono una varietà di settori, come comunicazioni, energia midstream, servizi pubblici e trasporti. Le società all’interno di questi settori sono supportate da numerosi recenti venti favorevoli e dinamiche di lungo periodo. Spinto da temi secolari tra cui la decarbonizzazione, la trasformazione digitale e l’ammodernamento degli asset, nei prossimi due decenni dovrebbero essere investiti circa $ 100 trilioni per infrastrutture globali, il che rappresenta un’accelerazione del 50% rispetto ai due decenni precedenti.

In termini di decarbonizzazione, le infrastrutture sono in una posizione unica per guidare e beneficiare finanziariamente delle iniziative globali di sostenibilità. I servizi di pubblica utilità sono in prima linea nell’azione verso un azzeramento delle emissioni di carbonio (“net-zero”), poiché le aziende installano pannelli solari, costruiscono turbine eoliche e aggiornano le linee di trasmissione per caricare i veicoli elettrici ed elettrificare il meccanismo volto al riscaldamento. Come risultato delle politiche globali net-zero, stimiamo che le società di infrastrutture potrebbero spendere la metà di ogni dollaro per la decarbonizzazione fino al 2040.

Nell’ambito della trasformazione digitale, le risorse fisiche, come data center, reti in fibra e ripetitori cellulari, questi sono essenziali per supportare la continua crescita dei dati che sfruttano la tecnologia cloud. Il bisogno di dati sono destinati a triplicare nei prossimi cinque anni, il che dovrebbe alimentare un’ulteriore necessità di infrastrutture di comunicazione.

Per quanto riguarda l’ammodernamento degli asset, non solo le risorse infrastrutturali necessitano di riparazioni, ma richiedono anche ristrutturazioni diffuse per soddisfare le esigenze dell’economia odierna. Che si tratti di sostituire il tubo di piombo per il passaggio dell’acqua corrente, aggiornare le reti del gas naturale per la trasformazione dell’idrogeno o migliorare continuamente le reti di trasporto, le risorse infrastrutturali hanno esigenze di ammodernamento in corso che consentono una base di crescita del flusso di cassa.

Più driver di ritorno

Mentre è probabile che le qualità stabili e protettive delle infrastrutture quotate portino a un maggiore interesse degli investitori durante questi tempi turbolenti, vediamo anche molti altri fattori interessanti a breve termine. In primo luogo, la politica del governo e le iniziative aziendali continuano a dimostrare il loro impegno per la transizione verso l’energia pulita. Il recente Piano REPowerEU della Commissione Europea in risposta alla dislocazione del mercato energetico aumenterebbe e accelererebbe gli investimenti nelle energie rinnovabili. Inoltre, le società globali hanno deciso di firmare accordi di acquisto di energia (PPA) per garantire energia pulita per i loro impianti di produzione, siti di distribuzione, uffici e punti vendita. Le società di servizi pubblici e di infrastrutture energetiche stanno beneficiando dell’aumento dell’attività di investimento che dovrebbe favorire una maggiore crescita del flusso di cassa a breve termine.

La combinazione di attività di investimento e flussi di cassa legati all’inflazione porterà i guadagni delle infrastrutture a superare gli utili azionari globali nel prossimo futuro, contrariamente agli anni precedenti. È probabile che anche i flussi di cassa e i dividendi delle infrastrutture aumenteranno al di sopra dei livelli storici, data la necessità di investimenti globali nei settori dei servizi pubblici, dell’energia, delle comunicazioni e dei trasporti.

Prevediamo inoltre che l’attrattività delle infrastrutture quotate sia per il private equity che per le istituzioni persista, il che dovrebbe supportare ulteriormente i valori nei prossimi anni. Negli ultimi sei anni, il private equity ha chiuso offerte per asset infrastrutturali e società quotate con un premio del 30%*, una cifra in costante aumento.

Infine, mentre le infrastrutture elencate sono alla base di molti dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, i principali fondi ESG sono sotto allocati rispetto alla asset class. Infatti, i primi 20 fondi ESG globali hanno un’esposizione del solo 5% verso le società che guidano la gestione ambientale e la transizione energetica, rispetto a un’esposizione del 33% ai servizi tecnologici e di comunicazione. Poiché i flussi di fondi ESG continuano ad accelerare, la domanda di investimenti allineati ai temi chiave della asset class infrastrutturale, come la decarbonizzazione e l’acqua pulita, è destinata a salire. Siamo ottimisti sul fatto che le infrastrutture quotate possano continuare a migliorare i portafogli degli investitori negli anni a venire.

* Fonte: CBRE, Periodo in esame: dal 1.1.2016 al 31.12.2021

Nordea Asset Management è il nome funzionale delle attività di asset management svolte dalle persone giuridiche, Nordea Investment Funds S.A. e Nordea Investment Management AB (“Entità Legali”) e le loro filiali, società controllate e succursale. Il presente documento ha lo scopo di fornire al lettore informazioni su specifiche capacità di Nordea. Il presente documento (ed eventuali pareri o opinioni ivi contenute) non costituisce una consulenza d’investimento e non costituisce una raccomandazione all’investimento in particolari prodotti, strumenti o strutture d’investimento, all’apertura o alla chiusura di qualsivoglia operazione o alla partecipazione a una particolare strategia di trading. Questo documento non costituisce un’offerta né una sollecitazione di un’offerta ad acquistare o vendere titoli o strumenti o a partecipare a tale strategia di trading. Eventuali offerte di questo tipo possono essere effettuate esclusivamente mediante un Memorandum di offerta o un analogo accordo contrattuale. Il presente documento non può essere riprodotto o distribuito senza previa autorizzazione. © Le Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e/o succursale.