Prospettive del quarto trimestre 2020: Una ripresa economica che dovrebbe rafforzarsi

In vista del quarto trimestre, ci aspettiamo una ripresa regolare degli attivi rischiosi, dal momento che gli investitori continuano ad acquistare titoli a prezzi scontati in modo selettivo. Alla base di questa situazione ci sono due fattori: le aspettative di una ripresa economica, in particolare incentrata sulla Cina, e la perdurante popolarità della questione ESG.

Implicazioni
Per affrontare i periodi di overshooting e diversificare, suggeriamo di sviluppare soluzioni flessibili in grado di ripartire il patrimonio tra diversi premi di rischio. Ci aspettiamo inoltre un consolidamento nei prossimi mesi, in un contesto generalmente propizio per i titoli rischiosi fino alla fine del 2021, sostenuto da un abbondante eccesso di liquidità. Alcuni stili, come Growth, dovrebbero continuare a sganciarsi nettamente dalla realtà e assistere in generale a un aumento della dispersione dei rendimenti. In questi periodi, l’analisi delle tendenze, dei settori e dei titoli può fare una differenza sostanziale.

Una ripresa economica incentrata sulla Cina
Di recente, il South China Morning Post ha riportato alcuni commenti ufficiali secondo cui gli economisti stanno rivedendo le loro previsioni di crescita per la Cina: aumentano le probabilità che l’economia cinese proceda più rapidamente di quanto suggeriscono i dati ufficiali. Le famiglie stanno tornando gradualmente al loro normale ritmo di consumo, mentre la domanda globale di esportazioni dovrebbe essere di grande aiuto.

Manteniamo la nostra tesi di una Cina rialzista con questo impulso positivo che si sta lentamente diffondendo nel resto dell’Asia-Pacifico. In particolare, restiamo concentrati sul settore innovativo dell’IT e su una classe media in ascesa. I flussi di investimento verso l’Asia-Pacifico e i mercati emergenti dovrebbero sostenere queste valute, ma gli interventi per contenere parte del loro apprezzamento dovrebbero rafforzare l’euro rispetto al dollaro, dal momento che le riserve estere si diversificano rispetto al dollaro. Restiamo quindi selettivamente positivi nei confronti delle obbligazioni dei mercati emergenti, poiché l’analisi è fondamentale in questi mercati. Ad esempio, il Renminbi offre un carry ponderato per il rischio molto solido.

Implicazioni
Alcuni l’hanno definito il “rally dell’acquisto di tutto”, ma si tratta di un esagerazione. Quello a cui stiamo assistendo è in realtà la concentrazione su alcuni temi: 1) Growth/IT 2) Qualità 3) Cina 4) Credito 5) ESG. La questione è se ci sarà o meno stabilità: ci aspettiamo che ce ne sia un certo grado, a fronte comunque di naturali rotazioni delle preferenze.

 

I valori ESG si stanno diffondendo in maniera costante
Gli incendi che imperversano e i cieli rossi su San Francisco ci ricordano l’importanza dei valori ESG. Per decenni, un’efficiente allocazione del capitale ha sostenuto il mercato. E, in larga misura, lo sostiene ancora. Ma le preoccupazioni ESG non sono più limitate a pochi sognatori progressisti. I requisiti ESG svolgono un ruolo sempre più importante nell’allocazione efficiente del capitale. Dal momento che sempre più investitori danno la priorità agli ESG nelle loro asset allocation, le soluzioni per l’efficienza delle risorse stanno guadagnando terreno, incoraggiando i produttori di energia a continuare a diversificare.

Implicazioni
L’integrazione dell’approccio ESG sta diventando sempre più la norma nel settore e si estenderà alla maggior parte delle asset class. Vi è anche una tendenza verso gli investimenti maggiormente orientati all’impatto, dove l’impatto è misurabile dagli Indicatori chiave di performance (Key Performance Indicators, KPI). Questa tendenza è già in atto. I gestori patrimoniali sono sempre più interessati a tutti i fattori rilevanti per gli investimenti dei clienti, compresi quelli non finanziari, in particolare i fattori ESG. Ci aspettiamo che i temi ESG acquistino maggiore influenza negli Stati Uniti e in Europa.

 

L’eccesso di liquidità e la ripresa economica dovrebbero aiutare il carry trade
L’eccesso di liquidità, definito come tassi reali negativi, crescita della moneta superiore al PIL o crescita del bilancio delle banche centrali superiore al PIL, è stato a lungo considerato un indicatore principale per il futuro della crescita economica e degli attivi rischiosi. La realtà è più complessa. L’annuncio di una politica monetaria molto espansiva può sorprendere il mercato inizialmente, ma poi il mercato impara a giocare d’anticipo, come è accaduto nelle varie fasi del programma di Quantitative Easing della Federal Reserve. Ciò nonostante, questa volta il mercato è rimasto sorpreso dalla velocità della ripresa economica. Con un impulso monetario così potente che attraversa le economie degli Stati Uniti e dell’Europa, è probabile che il mercato sarà nuovamente sorpreso positivamente nel quarto trimestre e nel 2021.

Che cosa significa?
Resteremo probabilmente in un mercato “buy the dip” fino a quando l’inflazione negli Stati Uniti non tornerà leggermente al di sopra dell’obiettivo, ad esempio il 3% nel 2022/2023. Il rischio di un tale scenario suggerisce di mantenere alcune coperture.

 

Conclusione: “buy the dip”, ma senza dimenticare la flessibilità
L’aggressivo allentamento da parte della Federal Reserve e della BCE dovrebbe aiutare la crescita a rimbalzare più rapidamente di quanto si preveda attualmente. L’idea che la Fed e la BCE entreranno in gioco se i mercati crolleranno rafforza anche la mentalità del “buy the dip”. In particolare, siamo concentrati su una ripresa economica sostenuta dalla Cina e dalla popolarità dei temi ESG.

Nota: questa è una visione macro di NAM, non è la visione ufficiale di Nordea.

 

Nordea Asset Management
Nordea Asset Management (NAM, AuM 223 miliardi di EUR*), è l’unità di gestione del risparmio del Gruppo Nordea, il maggior istituto finanziario della regione nordica con 311 miliardi di EUR* di masse gestite. NAM offre agli investitori europei e internazionali un’ampia gamma di fondi d’investimento attraverso un’estesa rete di intermediari, tra cui banche, asset manager, consulenti finanziari indipendenti e compagnie di assicurazione. Nordea Asset Management è presente con team locali con sede a Bonn, Bruxelles, Copenaghen, Francoforte, Helsinki, Lisbon, Londra, Lussemburgo, Madrid, Milano, New York, Oslo, Parigi, Santiago de Chile, Singapore, Stoccolma, Vienna e Zurigo. Questa presenza locale è volta a garantire accessibilità e un elevato livello di servizi alla clientela internazionale. Il successo di Nordea è fondato su un approccio multi-boutique sostenibile e unico che combina l’esperienza di boutique interne specializzate con competenze esclusive esterne che ci permettono di generare alfa in modo stabile a beneficio dei nostri clienti. Le soluzioni di investimento di NAM coprono tutte le asset class dal segmento fixed income e azionario a quello multi asset, e gestiscono sia soluzioni locali sia soluzioni con focus su Europa, USA, mercati emergenti e globali.

Nordea Asset Management è il nome funzionale delle attività di asset management svolte dalle persone giuridiche, Nordea Investment Funds S.A. e Nordea Investment Management AB (“Entità Legali”) e le loro filiali, società controllate e succursale. Il presente documento ha lo scopo di fornire al lettore informazioni su specifiche capacità di Nordea. Il presente documento (ed eventuali pareri o opinioni ivi contenute) non costituisce una consulenza d’investimento e non costituisce una raccomandazione all’investimento in particolari prodotti, strumenti o strutture d’investimento, all’apertura o alla chiusura di qualsivoglia operazione o alla partecipazione a una particolare strategia di trading. Questo documento non costituisce un’offerta né una sollecitazione di un’offerta ad acquistare o vendere titoli o strumenti o a partecipare a tale strategia di trading. Eventuali offerte di questo tipo possono essere effettuate esclusivamente mediante un Memorandum di offerta o un analogo accordo contrattuale. Ne consegue che le informazioni qui contenute saranno sostituite nella loro interezza da tale Memorandum di offerta o accordo contrattuale nella sua forma definitiva. Qualsiasi decisione di investimento dovrebbe pertanto essere effettuata unicamente sulla base della documentazione legale definitiva, che include, senza limitazioni e ove applicabile, il Memorandum di offerta, l’accordo contrattuale, l’eventuale prospetto informativo pertinente e l’ultimo Documento di Informazioni chiave per gli investitori (ove applicabile) relativo all’investimento. L’adeguatezza di un investimento o di una strategia dipenderà dalle condizioni e dagli obiettivi dell’investitore. Nordea Investment Management raccomanda agli investitori di valutare in maniera indipendente i singoli investimenti e le strategie e inoltre incoraggia gli investitori a chiedere il parere di consulenti finanziari indipendenti, qualora lo ritengano necessario. Eventuali prodotti, titoli, strumenti o strategie menzionate nel presente documento potrebbero non applicarsi a tutti gli investitori. Le informazioni contenute nel presente documento provengono da svariate fonti. Sebbene le presenti informazioni siano considerate esatte, non è possibile rilasciare alcuna dichiarazione o garanzia in merito alla loro assoluta accuratezza o completezza e gli investitori possono utilizzare altre fonti in modo da operare una scelta d’investimento informata. Le controparti o gli investitori potenziali sono invitati a rivolgersi al/ai proprio/i consulente/i professionale/i in materia fiscale, legale, contabile e di altro tipo per conoscere le possibili conseguenze di un dato investimento, inclusi i suoi possibili rischi e benefici. Le controparti o gli investitori potenziali dovrebbero inoltre comprendere appieno la natura dell’eventuale investimento e accertarsi di aver effettuato una valutazione indipendente circa l’adeguatezza di tale investimento potenziale, esclusivamente sulla base delle proprie intenzioni e ambizioni. Gli investimenti in strumenti derivati e le operazioni in valuta estera possono essere soggetti a oscillazioni significative che possono influire sul valore degli investimenti stessi. Gli investimenti nei Mercati emergenti implicano un rischio più elevato. Il valore dell’investimento può variare in misura significativa e non può essere garantito. Gli investimenti in titoli di capitale e di debito emessi dalle banche rischiano di essere soggetti al meccanismo di bail-in, come previsto dalla Direttiva europea 2014/59/UE (ciò significa che i titoli di capitale e di debito potranno essere svalutati, assicurando perdite adeguate ai creditori non-garantiti dell’ente). Nordea Asset Management ha deciso di assorbire i costi di ricerca, pertanto tali costi saranno in futuro coperti dall’attuale struttura commissionale (commissioni di gestione e di amministrazione). Pubblicato e creato dalle Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management. Le Entità Legali sono debitamente riconosciute e controllate, rispettivamente, dall’Autorità di vigilanza finanziaria in Svezia e in Lussemburgo. Le filiali, le società controllate e succursale delle Entità Legali sono debitamente autorizzate e regolate dall’Autorità di vigilanza finanziaria locale nel rispettivo paese di domiciliazione. Fonte (salvo altrimenti specificato): Nordea Investment Funds, S.A. Se non diversamente indicato, tutti i punti di vista qui espressi sono quelli delle Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e succursale delle Entità Legali. Il presente documento non può essere riprodotto o distribuito senza previa autorizzazione. Il riferimento a società o altri investimenti menzionati in questo documento ha carattere puramente illustrativo e non deve essere interpretato alla stregua di una raccomandazione all’acquisto o alla vendita degli stessi. Il livello di passività e benefici fiscali dipende dalle circostanze del singolo investitore e può essere soggetto a future modifiche. © Le Entità Legali appartenenti a Nordea Asset Management e ad ogni filiale, società controllata e/o succursale.

Follow our latest posts